Archivio mensile:dicembre 2014

Impagliazzo: Roma chieda scusa ai suoi poveri e ai rom

Radiovaticana, 19 dicembre 2014

di Francesca Sabatinelli

La “Michelin dei poveri” compie 25 anni. E’ stata presentata oggi l’edizione 2015 della guida della Comunità di Sant’Egidio “Dove mangiare, dormire, lavarsi” rivolta ai poveri di Roma, che raccoglie tutte le indicazioni necessarie a chi si trova in stato di difficoltà, italiani e stranieri.

Roma, i romani, ma soprattutto le istituzioni chiedano scusa per ciò che è accaduto a danno dei poveri. Marco Impagliazzo introduce la presentazione della guida aprendo sin dall’inizio il capitolo dell’inchiesta “Mafia Capitale”:

“Il primo modo per curare questa ferita è chiedere scusa per ciò che non è ancora stato fatto. Chiedere scusa a tanti poveri e a tanti Rom che hanno subito in questi anni uno sfruttamento della loro condizione da parte di alcune persone. Già nel 2010 io stesso, con la comunità di Sant’Egidio, denunciavamo alcuni sgomberi di campi Rom attrezzati nella città di Roma e trasferiti in campi più grandi, con uno spreco di risorse allucinante. Perché sgombrare campi attrezzati? E’ una domanda che noi stiamo facendo da quattro anni a tante stanze istituzionali, ma senza risposta. Dunque, io credo che noi dobbiamo chiedere “scusa” a queste persone, perché i fondi per aiutarle, per sostenerle c’erano, ma sono stati sperperati. Non siamo mai usciti, questo è il caso dei Rom, dal tema dell’emergenza, e quando il tema è l’emergenza non si fanno bandi adeguati, si dà l’incarico al primo che si presenta… Dietro l’emergenza si prendono troppe scorciatoie che hanno portato poi ai problemi che sono stati evidenziati dall’inchiesta della Procura di Roma”.

Impagliazzo invita il terzo settore ad una riflessione sulle vere motivazioni che spingono le persone a lavorare nel sociale, a capire quindi se esistano ancora o se piuttosto si parli ormai di un lavoro come un altro. E’ necessario inoltre  che la politica contrasti un pericoloso e dilagante pregiudizio:

“Purtroppo, si sta diffondendo un’idea: che la povertà porti con sé il degrado. Questa è una criminalizzazione dei poveri che non va fatta, che è ingiusta, perché al cuore dei nostri valori c’è il tema della solidarietà. Noi dobbiamo riprendere il discorso sulla difesa dei poveri. Oggi, invece una certa cultura politica ci parla di ‘difenderci’ dai poveri, che è esattamente l’opposto. Quello che va recuperata attraverso la gratuità, attraverso l’esempio di tante persone che fanno del bene, è l’idea che la povertà non è un degrado ma stimola, nella società, quei valori profondi – cito quello della solidarietà – che fanno il tessuto di una società e che è un tessuto che sta morendo, soprattutto nella nostra città di Roma e nelle sue periferie”.

La povertà assoluta nel Paese nel 2013 è aumentata di quasi due punti percentuali, coinvolge più di sei milioni di persone, in particolare famiglie numerose e composte da due persone anziane. A Roma sono in aumento i senza fissa dimora  e il flusso dei rifugiati provenienti dal Mediterraneo. Si moltiplicano quindi le richieste di aiuto e di sostegno.

“Non c’è un’inversione di tendenza: questo è il fatto nuovo. Sono dati molto allarmanti sui quali è importante riflettere e di fronte ai quali io vedo una sempre maggiore mobilitazione da parte di forze generose qui, a Roma, mobilitart certamente dalla predicazione di Papa Francesco sul tema delle periferie e dei poveri, ma ormai anche da un lavoro capillare che la comunità di Sant’Egidio e altre associazioni stanno svolgendo sul terreno, per mobilitare energie umane e risorse sul tema dei poveri e della povertà”.

La comunità di Sant’Egidio si fa quindi promotrice della richiesta di una costituente per Roma, che riunisca le forze politiche, economiche e sociali della città per aprire una riflessione sul futuro e sul ruolo della capitale.

Share This:

PAKISTAN: IMPAGLIAZZO (SANT’EGIDIO), UN CRIMINE CONTRO L’UMANITA’

AGENPARL, 16 dicembre 2014

Roma, 16 dic – “La strage di bambini perpetrata da un gruppo di terroristi in una scuola del Pakistan suscita un orrore indicibile e impone una urgente assunzione di responsabilità a tutte le coscienze civili del mondo. Anche nel mezzo dei contrasti più irriducibili, anche nei conflitti più sanguinosi, la vita dei bambini dovrebbe essere sacra a tutte le parti in lotta, e la scuola dovrebbe essere risparmiata dagli scontri in atto, quale luogo di dialogo, di pace, di crescita comune. Non a caso la Comunità di Sant’Egidio ha denominato “Scuole della Pace” i luoghi in cui, anche nel Pakistan così duramente martoriato, si cerca di formare nuove generazioni al dialogo, all’amicizia e alla condivisione. Invece qui la sacralità della scuola è stata violata e l’umanità stessa è stata ferita nelle persone più deboli e indifese. Un attentato al loro e al nostro futuro. La motivazione dell’atto terroristico – la vendetta per operazioni della sicurezza pakistana condotte contro i talebani – è quanto di più antiumano concepibile, perché evoca una ulteriore escalation di violenza, in una spirale di cui non si vede la fine. Siamo di fronte ad un crimine contro l’umanità. “Di fronte a tanto orrore lo sdegno non basta più. E’ urgente un responsabile intervento politico di quanti – governi e organizzazioni internazionali – sono coinvolti nei conflitti, perché, superando l’impotenza fin qui manifestata, vengano messe in atto le iniziative necessarie per fermare i massacri. La società civile, le grandi religioni devono pretendere che le armi siano deposte e che il dialogo riparta”. Dichiarazione del Presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo.

Share This:

Marco Impagliazzo rieletto presidente della Comunità di Sant’Egidio

La Voce, 12 dicembre 2014

Domenica 7 dicembre Marco Impagliazzo è stato rieletto presidente della Comunità di Sant’Egidio. Professore di Storia contemporanea all’Università per Stranieri di Perugia, presidente uscente della Comunità, Impagliazzo è stato scelto con un vasto consenso dai rappresentanti dei diversi nuclei di Sant’Egidio diffusi nel mondo.
L’elezione di quest’anno riflette la crescita della Comunità, nata a Roma nel 1968 a opera di Andrea Riccardi e diffusa ormai in tutti i Continenti: all’assemblea elettorale, che si è svolta a Roma – in collegamento via streaming con numerose città italiane, europee, americane, africane e asiatiche – hanno partecipato 220 delegati.
Ringraziando l’assemblea che ha rinnovato il suo mandato, Impagliazzo ha annunciato di voler continuare il suo impegno proprio nella direzione delle “3 P” (preghiera, poveri, pace) indicate dal Papa e, di fronte alla fama della Comunità acquisita in questi anni nel mondo, si è detto “impressionato dalla larghezza dei suoi confini e dalle importanti sfide che l’attendono”.
Tra le ultime iniziative di Sant’Egidio, l’appello per “salvare Aleppo” lanciato da Andrea Riccardi e accolto da importanti adesioni – a favore di un corridoio umanitario che liberi dall’assedio (a causa della guerra civile in corso) la storica città siriana, luogo di secolare coabitazione tra musulmani e cristiani di diverse confessioni.

Share This:

RIFUGIATI: IMPAGLIAZZO (S.EGIDIO), RIPRISTINARE ESPERIENZA MARE NOSTRUM

Agenzia SIR, 10 dicembre 2014

Di fronte a quella che continua ad essere un’emergenza umanitaria, non gestibile con provvedimenti ispirati dalla sola preoccupazione di difendere la sicurezza, il presidente della Sant’Egidio rivolge un nuovo appello all’Italia e all’Europa perché con l’avvio di Triton e con le operazioni di Frontex “non venga smarrito il patrimonio acquisito dall’Italia con Mare Nostrum dopo la tragedia di Lampedusa”. Impagliazzo chiede “il ripristino di quell’esperienza che è servita a salvare tante vite umane”. “Il complesso fenomeno dell’immigrazione – aggiunge Impagliazzo – va affrontato guardando ai motivi che spingono le persone ad abbandonare il loro Paese – come sottolinea l’Alto Commissariato – e non con misure di mera deterrenza”.

Share This: